EI Towers

INTERNAL DEALING

Il Consiglio di Amministrazione, in data 23 febbraio 2017, con il parere favorevole del Comitato Controllo e Rischi, ha approvato la nuova “Procedura Internal Dealing” della Società. La Procedura Internal Dealing è stata adottata ai sensi del Regolamento (UE) n. 596/2014 e dei relativi Regolamenti comunitari di integrazione ed esecuzione, entrata in vigore il 3 luglio 2016, e ha lo scopo di disciplinare, con efficacia cogente, il compimento delle operazioni effettuate, anche per interposta persona, dai soggetti rilevanti e dalle persone strettamente legate, così come identificate dalla suddetta disciplina, ovvero gli obblighi, i termini e le modalità di pubblicazione delle operazioni dagli stessi compiute su strumenti finanziari di EI Towers S.p.A.


Operazioni effettuate dagli Azionisti Rilevanti

Gli azionisti che detengano una partecipazione, calcolata ai sensi dell’articolo 118 del Regolamento Consob n. 11971/1999, come successivamente modificato (il “Regolamento Emittenti”), pari almeno al 10 per cento del capitale sociale di EI Towers S.p.A., rappresentato da azioni con diritto di voto, nonché ogni altro soggetto che controlla EI Towers S.p.A. (di seguito gli “Azionisti Rilevanti”) sono soggetti al Regolamento (UE) n. 596/2014 sugli abusi di mercato, al Regolamento di Esecuzione (UE) 2016/523, alle applicabili disposizioni del D. Lgs. N. 58/1998, come successivamente modificato e all’art. 152-octies del Regolamento Emittenti. In particolare, gli Azionisti Rilevanti sono tenuti a comunicare alla Consob ogni operazione effettuata, avvalendosi del Modello di Comunicazione contenuto nell’Allegato 6 al Regolamento Emittenti.

Procedura Internal Dealing